Praga in due giorni: cosa vedere e come muoversi

Ideale per una fuga romantica ma anche per un breve week-end tra amici, Praga è diventata, nel giro di pochi anni, una delle città più visitate d’Europa. Nata dall’unità di sei diverse zone, la capitale colpisce soprattutto per la diversità di stili architettonici, che vanno dal gotico al barocco, e per la peculiare gastronomia. Inoltre, a renderla molto attraente, è il suo essere alla portata di tutte le tasche. Se avete voglia di staccare la spina, eccovi un itinerario di due giorni per scoprire le bellezze della città della magia e dell’alchimia.

PRIMO GIORNO

Atterrati all’aereoporto Václav Havel di Praga, ci si dirige all’uscita del Terminal 1 e si prende il bus 119 (oppure anche il bus 100). I biglietti si possono acquistare alle macchinette nei punti di partenza del bus o sul bus stesso e consentono di prendere sia bus che metro. In questo caso, suggerisco il biglietto di 32 Kc valido 90 minuti e, invece, per il secondo giorno, il biglietto di 24 Kc valido 30 minuti. Alla fermata del bus Nadrazi Veleslavin, si accede alla fermata della linea A della metro (linea verde) ovvero l’omonima Nadrazi Veleslavin. Nel caso si optasse per il bus 100, questo si dirige a Zlicin, la prima fermata della linea B della metro (linea gialla). Ad ogni modo, vi invito a stare attenti ai borseggiatori, soprattutto in aereoporto e in metropolitana. In genere cercano di approfittare delle difficoltà di chi è appena arrivato in città.

 

01_metro_orientation_plan

Mappa aggiornata della rete metropolitana di Praga

 

Da Nadrazi Veleslavin si scende a Mustek, nel cuore di Piazza Venceslao e dopo 5 minuti di cammino, si giunge al K+K Hotel Fenix   (Indirizzo: Ve Smeckach 596/30) della famosa catena di alberghi K+K Hotels. L’elegante struttura, nonostante sia situata nella via dei locali a luci rosse, gode di grande tranquillità. Le camere sono grandi e pulite, la colazione molto varia e abbondante e per gli ospiti è possibile l’ingresso gratis in sauna tramite un ascensore apposito. Direi che l’hotel soddisfa pienamente gli standards di un quattro stelle.

mappa-praga

Cartina della città per seguire al meglio l’itinerario.

 

PiazzaVenceslao

Vista del Museo Nazionale da Piazza Venceslao.

 

Dopo aver lasciato l’hotel, ecco nuovamente Piazza Venceslao, uno dei posti più adatti per fare shopping. Consiglio di fare un salto da New Yorker, un grande magazzino di abbigliamento situato alla fine della strada (Indirizzo: Na Prikope 388/1). Anche la stessa Na Prikope offre tanti locali e negozi tra cui Bershka, Zara, Adidas etc. Continuando per Na Mustku, in 3 minuti si giunge in via Havelska, strada in cui si tiene il mercato, il quale risale al 1232.

Mercatino

Il miglior posto per acquistare simpatici souvenirs a buon prezzo!

 

Si prosegue per via Melantrichova…

ViaMelantrichova

…e improvvisamente vedrete l’affascinante Orologio Astronomico di Praga, situato nella Piazza della Città Vecchia.

OrologioAstronomico

L’Orologio, considerato il terzo più antico al mondo, fu costruito da un orologiaio e da un professore di matematica nel lontano 1410.

 

OldTownSquare

Chiesa di Santa Maria di Tyn.

 

La piazza della Città Vecchia, in qualsiasi periodo dell’anno, brulica di vita con i suoi cafè frequentati da turisti e bancarelle che vendono cibi locali come il prosciutto di Praga e il Trdelnik. Quest’ultimo è un dolce tipico della Repubblica Ceca che consiste in un pane dolce cotto su un forno a brace e insaporito da zucchero e cannella a fine cottura. Una vera delizia!

Finita l’esperienza gastronomica, si riprende il cammino verso via Parizska, che segna l’ingresso in Josefov, il suggestivo quartiere Ebraico. Qui vi sono quattro sinagoghe tra cui la Sinagoga Vecchia-Nuova, una delle più antiche in Europa. Inoltre, la zona vanta di negozi di alta moda (Dior, Gucci, etc) e dei palazzi più sfarzosi di tutta la città.

QuartiereEbraico

Statua simpatica.

 

QuartiereEbraico2

Uno dei palazzi che colpisce di più per la sua bellezza e per i suoi preziosi dettagli.

 

Terminata la visita al quartiere ebraico, si attraversa il Cechuv Most per giungere ai giardini di Letna, dai quali è possibile ammirare tutta la città, compreso il Ponte Carlo (quello ad archi più stretti, per intenderci).

LetnaGarden

 

SECONDO GIORNO

Da Mustek, prendere la linea A (linea verde) della metro in direzione Nemocnice Motol e scendere a Malostranska. Da qui, il tram 22 con fermata Pohorelec vi porterà in collina e, dopo 15 minuti di cammino, sarete giunti all’entrata del Castello di Praga. Il Castello di Praga (in lingua ceca: Prazsky Hrad) raggruppa al suo interno altre strutture tra cui la Cattedrale di San Vito, la Basilica di San Giorgio e il Vicolo d’Oro. Consiglio di fare il biglietto per il percorso breve che comprende la visita della Basilica e del Vicolo.

Orari del Castello:

Da aprile ad ottobre: 9:00 – 18:00

Da novembre a marzo: 9:00 – 16:00

Castello1

Cambio della guardia – 1

Cambio della guardia – 2

Cattedrale di San Vito

Cattedrale di San Vito

 

Il Vicolo d’Oro (in lingua ceca: Zlata Ulicka) è detta anche Via degli Alchimisti: secondo una leggenda, alcuni alchimisti, insediatisi nei pressi del castello, svolgevano esperimenti per cercare di trasformare il ferro in oro.

VicolodOro

Si scende verso il quartiere Mala Strana e, attraverso via Nerudova, si giunge al Ponte Carlo, considerato il collegamento tra la Città Vecchia e la Città Bassa.

PonteCarlo

Alle due estremità del ponte, vi sono due torri, sulle quali è possibile salirci per godere del panorama.

 

DOVE MANGIARE:

U Pravdu: Indirizzo Zitna 1701/15, a 5 minuti a piedi dall’hotel.

U Mlejnice: Indirizzi Kozna 488/14 (è una traversa di via Melantrichova), a 10 minuti a piedi dall’hotel; Zatecka 17/7, a 20 minuti a piedi dall’hotel.

Entrambi mi hanno reso davvero entusiasta: cibo e birra ottimi, conto onesto e atmosfera tipica praghese. Vi invito ad andare a mangiare quanto prima poichè i locali chiudono molto presto. Nel caso di U Mlejnice, se tutti i tavoli fossero occupati e i camerieri vi consigliassero di andare nell’altro locale, dite che potete aspettare. I tavoli si liberano in poco tempo e sarebbe davvero spiacevole dopo una giornata in giro per la città, andare nell’altro locale e magari trovare anche lì i tavoli occupati.

 

Prossimo articolo sul blog “Consigli per prenotare da soli un viaggio oltreoceano”, dove racconterò la mia esperienza nell’ideare, organizzare e prenotare un viaggio con voli multiscalo grazie agli strumenti che offre il web.

 

A presto, Mary

 

 

 

2 thoughts on “Praga in due giorni: cosa vedere e come muoversi

    • marythetraveler Autore dell'articolo

      Ciao Anna! Mi fa piacere di essere stata d’aiuto e sono a tua disposizione per qualsiasi cosa 😉 ti abbraccio forte!

I commenti sono chiusi